venerdì 18 maggio 2012

Illusioni Ottiche

Questo non è un triangolo
Il primo contatto col mondo gaio risale a quando avevo 17 anni, ed è stato un contatto assolutamente casuale, brevissimo e accidentale.
All'epoca avevo una serie di altri problemi familiari e personali e ammetto che la questione della mia identità sessuale era un po' l'ultima delle mie preoccupazioni...da mettere in pausa per tempi migliori.
E poi io i gay me li immaginavo così:

Questo non è un gay (è un'immagine jpg)
E a me l'idea di vestirmi da donna proprio non va, mi fa accapponare la pelle. Cavoli sono un maschio, e mi piace pure esserlo!  Perchè dovrei fingermi una donna, parlare in falsetto e truccarmi!?

Vabbè.

Un giorno sono a Mestre, passo per un edicola a vedere se posso permettermi di comprare qualche fumetto con i miei (scarsi) risparmi. Trovo un fumetto che mi interessa, mi faccio violenza per convincermi che posso permettermelo, faccio per pagare e mi casca l'occhio su quello che il ragazzo davanti a me ha appena comprato:

Questo non è un giornale (provate a sfogliarlo se ci riuscite)
ODDIO!
Ho appena incrociato un gay! Allora esistono, non è una leggenda metropolitana!
Di sottecchi squadro il tizio e noto nell'ordine che: è un ciccione, con gli occhiali spessissimi tondi e montatura pesantissima di tartaruga, barba incolta, trasandato e pure parecchio brutto. Esattamente l'opposto di quello che avrei immaginato(vedi immagine sopra).

A questo punto mi faccio l'idea: "ah, allora tutti quei bonazzi sulle riviste sono finti. In realtà sono etero, con magari delle morose da urlo e si spogliano solo per soldi. Mentre i gay sono questa manica di sfigati. E poi diciamocelo, questa cosa dei gay, uno che lo prende in culo, dev'essere il più sfigato dello sfigato... è incredibile quanto si debba abbassare uno per farsi volere un po' di bene.. Il tutto ovviamente con un contatto (se di contatto si può parlare) di pochissimi secondi. 
E quanto basta per farmi pensare che non fa per me, meglio lasciar perdere.

Passano gli anni e non ho molti altri riscontri (le uniche persone gay dichiarate che ho incontrato nel mentre erano due conoscenti, di cui uno abbastanza sul primo tipo, e l'altro molto del secondo tipo...)

Questo non sono io
Negli ultimi sei mesi però metto la mia testolina fuori dall'armadio e scopro che esistono persone dello stesso sesso che:
- convivono e si vogliono bene
- sono a volte carine a volte bruttine ma non c'è una regola
- che non sono (tutti) dei maniaci o dei depravati, ma anche possono anche essere teneri o romantici
- e che c'è gente che posta video del genere che ribaltano un po' tutte le convinzioni sul sesso e sui ruoli in una coppia stranamente appaiata...

e che alla fine il mondo è molto più grande e vario di quel che immaginavo ...
Questo non è un pianeta

Forse il problema è proprio con le cose che non conosciamo.
L'immaginazione umana (e la mia in particolare) è portata a colmare le lacune. A vedere un triangolo dove non c'è.
Dimenticando che le medaglie hanno due facce (anche tre se conti il bordo che nessuno si fila mai perchè non si vede....ma è lì, e se non ci fosse non ci sarebbe nemmeno la medaglia).
E che le persone alla fine, al di là delle etichette, delle semplificazioni e delle convenzioni sono appunto questo: persone. Con un cuore, un animo, con sentimenti, alle volte con fragilità e meschinità, fatte di tante parti in continuo cambiamento.
E forse, mi piace pensare, sotto sotto col bisogno di amare ed essere amati.

Questo non è assurdo
E magari scopri solo dopo che le cose che immaginavi erano appunto solo questo:

illusioni ottiche





S.




PS: volevo fare un post più leggero, ma è un po' che rifletto, leggendo sui giornali, nelle dichiarazioni dei politici, in giro sui blog di quanto reale sia il problema dell'accettazione della diversità (non solo per l'omosessualità).
Devo ancora aver tempo di leggere tutti i post sulla giornata contro l'omofobia... che mi sento di dire, secondo me non è una malattia o un crimine. E' una paura, che spesso nasce dall'ignoranza. Non mi sento di criminalizzare nessuno perchè ha paura del diverso, anzi lo comprendo e sono disposto a sopportare la cosa o a cercare di aiutarlo a superare questo limite.
Diverso è il discorso della violenza.
La violenza che ne segue è una malattia; la discriminazione e il rifiuto lo sono, il bullismo e la degradazione dell'altro anche.

I sentimenti, anche se negativi non sono mai da punire o da denigrare. 
Le azioni che ne derivano semmai lo sono.

Giusto i miei 2 cent...

22 commenti:

  1. Ottimo post e molto condivisibile :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me gran bel post :)

      Elimina
    2. Grazie, fa piacere sapere che le cose che penso non sono solo mie seghe mentali ma sono condivisibili. (potrà sembrare banale, ma per me non lo è affatto :)

      Elimina
  2. Complimenti per questi 2 cent.

    RispondiElimina
  3. bellissima l'impostazione di questo post! Geniale!!!
    le illusioni che ci fanno credere in qualcosa, che pur vedendola, in realtà è qualcos'altro.. "c'est ne est pas une pipe" dipingeva il genio Magritte!!! ( se non conosci la sua pittura fatti una googlata!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che abbia colto la citazione a Magritte (che era voluta :) Magritte è uno dei pochissimi pittori moderni che mi piace, aggiungendo tra l'altro max ernst, picasso e Dalì. Poi per il resto io sono un po' eretico: convinto come sono che, tranne poche, pochissime eccezioni, l'arte figurativa si sia fermata a Michelangelo e Leonardo... (ok, nelle eccezioni mettiamoci anche van gogh)
      Cia

      Elimina
    2. hai hai haihhh... và a leggere qualche mio post a ritroso, etichetta: sull'arte, chissà se ti faccio cambiare idea, tuttavia, per questa eresia, oltre a perdremi dei punti caro S dì 10 avemarie e 12 padrenostri... subito!!

      Elimina
  4. No ma...
    io svengo. Ho appena letto il co di Zeno,poi passo a leggere la scoperta delle tue consapevolezze e la genialità dei tuoi pensieri.
    Non lo sappia L., ma ho un debole per te. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Oddio, se non volevi che L sapesse io non l'avrei scritto sul web ;)
      Scherzi a parte mi fa piacere sapere che c'è qualcuno che additittura mi dà del genio (e che sarà mai... :)
      Che tra me e te ci sia un vissuto simile e una sensibilità particolare su certe cose è innegabile :)
      Comunque il piccolo narcisista gaio ringrazia ed è attualmente in brodo di giuggiole...

      (ma non c'è una maniera per recuperare i commenti che elimini? è già il secondo che elimino inavvertitamente... )
      :V

      Elimina
  5. Hai veramente ragione!
    Bel post…
    Buon pomeriggio S

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie.
      Buon pomeriggio anche a te! (spero il tuo dopo laurea sia meno traumatico del mio: il giorno dopo mia madre mi butta giù dal letto alle 8 dicendo: e allora quando ti trovi un lavoro? Non hai ancora mandato un CV...)

      Elimina
    2. Mia madre ha svegliato il suo “bambino” per finire gli avanzi delle festa… ^_^ Ma già sto cercando… Comunque tua madre è una grande, non perde tempo! Ciao e buona giornata

      Elimina
    3. Una grande rompiballe, fidati. Poi alla fine ho trovato lavoro in 15 giorni e da allora non ho più smesso. Certo che se mia madre evitava di stressarmi dopo che avevo dato 10 esami in 14 mesi (vecchio ordinamento) e la tesi fatta e finita in tre mesi lavorando anche di notte...non è che mi dispiaceva eh...
      Almeno una settimana di vacanza fattela che te la meriti!

      Elimina
    4. Caro S non conosci la mia, ecco poi vedrai tua madre come una santa! Fidati e fidati!
      Comunque mi godo questi giorni di relax! Non ti preoccupare, anche perché fra poco parto e quindi… Un bacio ^_^

      Elimina
  6. Se poi consideri che pure i gay stessi sono ignoranti in materia :D ahahhaha siam proprio messi male..

    Bella l'associazione fra l'argomento del post e l'immagine in apertura con l'illusione ottica :D

    L'unica persona gay che conoscevo era un ragazzo più o meno normale (a parte una pelliccia indossata ogni tanto ehehe) quindi grosse distorsioni in merito non ne ho avute :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse perchè gay nell'uso comune più che una parola che indica persone che semplicemente hanno gusti di un certo tipo ha appiccicate tutta una serie di altre connotazioni (effeminatezza, spudoratezza, gusto strano nel vestire, promiscuità, ecc) che non è invece detto siano presenti in tutti gli individui che ricadono sotto la definizione.
      In breve è un'etichetta come "Terrone", "polentone", "crucco". E a semplificare troppo si sbaglia.

      Ciao

      Elimina
  7. illusioni!:/ bellissimo post....bello!!

    RispondiElimina
  8. Enzo Miccio direbbe: "Ma come ti vesti!?"
    Io dico spesso, ironicamente, che il mondo è bello perchè avariato...ma da quel poco che ho capito in trent-tos-tos-tos anni di vita direi che è possibile trovare di tutto, sia in senso buono che non ;) basta cercare bene...

    RispondiElimina